Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.
Chiudendo questo banner l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.
Ulteriori informazioni ...

Ok
ANSIA COME RICONOSCERLA E COMBATTERLA NATURALMENTE

ANSIA COME RICONOSCERLA E COMBATTERLA NATURALMENTE

Il termine ‘ansia’ deriva dalla radice angh, costrizione, da cui il latino anxus, stretto. Viene definita come stato emotivo con sensazione di minaccia e di pericolo imminente e indefinibile, caratterizzato dalla diminuzione o scomparsa del controllo della personalità. L’ansia è l’elemento basilare di quasi tutte le espressioni delle nevrosi. Spesso assume il carattere accessuale della ‘crisi’, fino al panico o al terrore, con anarchia del comportamento e compromissione totale delle funzioni cognitive. Nelle forme persistenti l’ansia si manifesta con fenomeni a livello dei vari apparati: fenomeni cardiocircolatori (palpitazioni, crisi di ipertensione, turbe vasomotorie), fenomeni respiratori (fame d’aria, dispnea sospirosa, iperventilazione), fenomeni gastrointestinali (secchezza del cavo orale, nausea, conati di vomito, diarrea), fenomeni urinari (stimolo frequente alla minzione), fenomeni muscolari (contratture, tremodiri), fenomeni sensoriali (offuscamento visivo, ronzio auricolare, capogiri), fenomeni generali (ipereccitabilità, stanchezza). Il Magnesio svolge un ruolo fondamentale nella regolazione dell’eccitabilità neuro-muscolare, nella produzione e nel trasporto di energia. Riduce la secrezione dell’adrenalina e le conseguenze che essa provoca a livello del cervello, del cuore, dei muscoli e dell’apparato digerente. È indispensabile per l’utilizzo dell’energia a livello delle cellule nervose e muscolari. È infatti indicato in situazioni di iperemotività, ansia, tremori, ipereccitabilità, difficoltà di concentrazione, disturbi del sonno, tensione dolorosa muscolare, contratture muscolari, crampi, stanchezza, tachicardia, ipertensione arteriosa, disturbi circolatori, ritenzione idrica, sindrome premestruale, intestino irritabile, mestruo doloroso. Il Magnesio favorisce la produzione di neurotrasmettitori (serotonina) che consentono il corretto funzionamento delle cellule nervose. La Taurina è un aminoacido solforato che svolge un’attività simile e complementare a quella del magnesio. La Vitamina B6 è indispensabile per la sintesi della Taurina. Essa può agire solo se viene attivata dal Magnesio. È inoltre coinvolta nella conversione del 5-HTP a serotonina. Biancospino Denominazione botanica: Crataegus oxyacantha (L.) Jacquin, Crataegus monogyna Jacquin. In Fitoterapia si utilizzano le foglie e i fiori. I principali costituenti comprendono: flavonoidi (iperoside, vitexina-2-ramnoside, rutina, crisina, glicosilflavoni), procianidine oligomere, acidi fenolcarbossilici, acidi triterpenici, steroli, amminopurine, olio essenziale. Le principali attività del Biancospino sono sedative, ipotensive, antispasmodiche, cardiotoniche, antiaritmiche (riduzione della frequenza cardiaca), vasodilatatrici coronariche. Stati ansiosi, insonnia, tachicardia, ipertensione arteriosa, insufficienza cardiocircolatoria, rappresentano le principali indicazioni. Il Biancospino viene impiegato principalmente per la sua azione miorilassante e sedativa a livello del sistema nervoso centrale. Alcuni flavonoidi, come la crisina, sono in grado di interagire a livello di siti recettoriali per le benzodiazepine. È considerata la pianta elettiva per i disturbi cardiocircolatori. Agisce sul sistema cardiovascolare dilatando la muscolatura dei vasi, in particolare quelli coronarici, diminuendo la resistenza periferica (azione ipotensiva), agendo direttamente sul miocardio con un’azione inotropa positiva (aumento della forza contrattile). Griffonia Denominazione botanica: Griffonia simplicifolia L. Vengono utilizzati i semi. Principale costituente è il 5-HTP (5-idrossi-triptofano). Ha proprietà rilassanti e antidepressive. L’impiego della Griffonia è per disturbi ansiosi, lievi stati depressivi, disturbi del sonno, deficit di attenzione legato a stress. I semi di Griffonia contengono naturalmente 5-HTP (5-idrossitriptofano), un intermedio del triptofano ossia del precursore della serotonina, importante neurotrasmettitore coinvolto in funzioni come il sonno ed il tono dell’umore. L-teanina È un aminoacido estratto dalle foglie del tè che, a livello cerebrale, ha dimostrato essere in grado di stimolare la produzione delle onde alfa cerebrali, con conseguente effetto rilassante, senza provocare sonnolenza. Sono stati condotti numerosi studi farmacologici e clinici che hanno confermato: effetti rilassanti, aumento della capacità di apprendimento e concentrazione, riduzione della pressione, miglioramento della qualità del sonno, recupero da stress fisico, miglioramento delle performance fisiche e mentali. Alcuni consigli utili per il controllo dell’ansia • Seguire un’alimentazione varia ed equilibrata, consumare regolarmente frutta e verdura e preferire cibi integrali; • bere molta acqua ricca in magnesio lontano dai pasti; • evitare o ridurre l’uso di bevande e/o sostanze stimolanti; • praticare un’adeguata attività motoria quotidiana senza frenesia o ansia; • rispettare pause e riposi ed alternare lavoro e riposo, veglia e sonno; • dedicare una parte del proprio tempo libero agli hobbies, alla lettura, alla conversazione e a pratiche di rilassamento di mente e corpo; • contrastare lo stress, ricorrendo eventualmente all’utilizzo di piante adattogene; • concedersi adeguati periodi di vacanza, preferendo gli ambienti naturali; • dormire almeno 8 ore ogni notte e favorire un buon sonno; • ricorrere a specifici rimedi naturali per favorire calma e serenità.